Consorzi stabili: il TAR Campania sul c.d. “cumulo alla rinfusa” dei requisiti

Il TAR Campania - Napoli, Sez. I, con la sentenza 3507 del 28 giugno 2017, si è pronunciato sull'ambito di operatività del c.d. cumulo alla rinfusa dei requisiti per i consorzi stabili alla luce del nuovo codice dei contratti pubblici.

Secondo i giudici del TAR partenopeo, "l’operatività del “cumulo alla rinfusa” per i consorzi stabili non può ritenersi, allo stato, venuto meno nel nuovo quadro ordinamentale conseguente alla entrata in vigore del nuovo codice dei contratti pubblici di cui al D.Lgs. n. 50/2016". 

Pertanto, non va escluso che vi sia contrasto tra disposizioni che ammettono il “cumulo alla rinfusa” incondizionatamente e a prescindere dalla data di costituzione del consorzio stabile

A parere del Collegio, va preferita l’interpretazione che salvaguardia la massima partecipazione delle imprese alle gare ad evidenza pubblica coerentemente, tra l’altro, con la previsione contenuta nell’art. 83, comma 2, del D.Lgs. n. 50/2016 che, nel prescrivere che i requisiti e le capacità per le qualificazioni devono essere attinenti e proporzionali all'oggetto dell'appalto, richiama l’interesse pubblico “ad avere il più ampio numero di potenziali partecipanti, nel rispetto dei principi di trasparenza e rotazione”.

Conclude detta sentenza: "La limitazione temporale di cui al citato art. 47 comma 2 è stata poi eliminata dal legislatore con il decreto correttivo di cui al D.Lgs. n. 56/2017 mostrando così di recepire il principio favorevole all’applicazione generalizzata del cumulo dei requisiti in capo ai consorzi stabili".

Clicca qui per il testo della sentenza



Comments are closed.