BIM: firmato decreto MIT

Lo scorso 1° dicembre il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha firmato il decreto sul BIM (Building Information Modeling)

Il decreto "definisce, per gli appalti di lavori e le concessioni di lavori, le modalità e i tempi di progressiva introduzione, da parte delle stazioni appaltanti, delle amministrazioni concedenti e degli operatori economici, dell'obbligatorietà dei metodi e strumenti elettronici specifici, quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture".

Il decreto è stato emanato in attuazione dell'articolo 23, comma 13, del D. Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 (nuovo Codice Appalti).

E’ previsto l’utilizzo di piattaforme interoperabili a mezzo di formati aperti non proprietari da parte delle stazioni appaltanti ed è definito l’utilizzo dei dati e delle informazioni prodotte e condivise tra tutti i partecipanti al progetto, alla costruzione e alla gestione dell'intervento.

Il BIM sarà obbligatorio dal 1° gennaio 2019 per le opere di importo pari o superiore a 100 milioni di euro, e poi via via per importi minori a decorrere dagli anni successivi al 2019 fino alle opere di importo inferiore a 1 milione di euro, per le quali il termine decorre dal 1° gennaio 2025.

Clicca qui per approfondimenti e per il testo del decreto del MIT sul BIM

 



Comments are closed.