Dall’UE sì ai raggruppamenti tra imprese negli appalti

E’ contraria al diritto comunitario la normativa italiana in materia di appalti pubblici nella parte in cui vieta ad una impresa di avvalersi di mezzi appartenenti ad uno o a più soggetti, eventualmente in aggiunta ai propri, nell’esecuzione dell’appalto

CGUE: è ammissibile in via generale l’avvalimento di una pluralità di imprese ausiliarie?

C’è attesa per la pronuncia in via pregiudiziale della Corte di Giustizia dell’UE sulla causa proposta dal Tar Marche in ordine all’ammissibilità dell’avvalimento di una pluralità di imprese ausiliarie, possibilità di regola esclusa dall’attuale tenore dell’art. 49 comma 6 del Dlgs n. 163/2006, ma specificamente contemplata dalla direttiva n. 18/2004 in materia di appalti pubblici.