Il punto sull’attuazione della riforma forense

L’iter di attuazione della riforma forense introdotta con la legge n. 247 del 31 dicembre 2012, prosegue gradualmente anche attraverso numerosi momenti di confronto che coinvolgono tutti i soggetti interessati.
Nei giorni scorsi (dal 9 all’ 11 ottobre) era in corso a Venezia il XXXII Congresso Nazionale Forense. Hanno partecipato tutte le principali istituzioni ed associazioni che si occupano di diritto. E’ stata l’occasione giusta per confrontarsi sui temi più attuali che interessano il mondo giuridico italiano quali il ruolo dell’avvocato nel processo e fuori dal processo, l’organizzazione della professione, le prospettive e le opportunità per i giovani avvocati.

Durante l’apertura dei lavori il Presidente dell’ordine degli avvocati di Venezia, Daniele Grasso ha dichiarato: “Il XXXII Congresso nazionale forense si preannuncia un appuntamento cruciale per l’Avvocatura. Si tratta del primo congresso successivo all’approvazione della riforma forense, passo epocale e di fondamentale importanza per la categoria che ha visto finalmente l’affermazione dei principi irrinunciabili e non negoziabili sul ruolo e sulla funzione dell’avvocato. Ora è tempo di guardare avanti: è necessario stabilire i termini di un percorso evolutivo che unisca tutte le componenti dell’Avvocatura italiana in una posizione unitaria, al fine di delineare con precisione la fisionomia del difensore della nuova epoca

Qual è nello specifico lo stato di attuazione della Riforma forense?
Giurdanella.it ha predisposto una brochure digitale con tutte le informazioni dettagliate, i testi già in vigore e quelli in corso di approvazione.


Tutte le News su: , , ,

Clicca qui per ricevere gratuitamente la Newsletter di Giurdanella.it

Il nostro sito utilizza i cookie al fine di migliorare i servizi. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all`uso dei cookie. Maggiori informazioni | Chiudi