Fallimento società in house: la sentenza della Cassazione

house

La Corte di Cassazione, Sez. I Civile, con la sentenza n. 3196 del 7 febbraio 2017, ha sancito l’applicabilità della disciplina del fallimento alle società in house.

Secondo i giudici della Suprema Corte, “In tema di società partecipate dagli enti locali, la scelta del legislatore di consentire l’esercizio di determinate attività a società di capitali, e dunque di perseguire l’interesse pubblico attraverso lo strumento privatistico, comporta che queste assumano i rischi connessi alla loro insolvenza, pena la violazione dei principi di uguaglianza e di affidamento dei soggetti che con esse entrano in rapporto ed attesa la necessità del rispetto delle regole della concorrenza, che impone parità di trattamento tra quanti operano all’interno di uno stesso mercato con identiche forme e medesime modalità.”

Continua detta sentenza: “Il rapporto tra società ed ente è perciò di assoluta autonomia, non essendo consentito al secondo di incidere unilateralmente sullo svolgimento dello stesso rapporto e sull’attività della società mediante poteri autoritativi, ma solo avvalendosi degli strumenti previsti dal diritto societario e mediante la nomina dei componenti degli organi sociali”.

Clicca qui per il testo della sentenza della Cassazione



Comments are closed.