Fallimento società in house: la sentenza della Cassazione

house

La Corte di Cassazione, Sez. I Civile, con la sentenza n. 3196 del 7 febbraio 2017, si è espressa sull’applicabilità o meno della disciplina del fallimento alle società in house.

Secondo i giudici della Suprema Corte, “deve ritenersi che una società, costituita secondo le forme della società a responsabilità limitata, affidataria da parte dell’ente territoriale pubblico partecipante di plurimi servizi di gestione del relativo patrimonio, nell’ambito di un rapporto disputato quanto alla prossimità al controllo analogo, proprio delle società in house, è soggetta alla norme sul fallimento previste per le società private”.

Continua detta sentenza: “Il rapporto tra società ed ente è perciò di assoluta autonomia, non essendo consentito al secondo di incidere unilateralmente sullo svolgimento dello stesso rapporto e sull’attività della società mediante poteri autoritativi, ma solo avvalendosi degli strumenti previsti dal diritto societario e mediante la nomina dei componenti degli organi sociali”.

Clicca qui per il testo della sentenza della Cassazione



Comments are closed.