Diffamazione a mezzo stampa: la Cassazione sul danno alla reputazione

La Cassazione, Sez. I Civile, con la sentenza n. 8807 del 5 aprile 2017, si è pronunciato sui presupposti per una corretta valutazione della verità della notizia, specie se questa è tratta da un provvedimento giudiziario, e sui requisiti per il riconoscimento del risarcimento del danno alla reputazione conseguente al reato di diffamazione a mezzo stampa.

Si legge dalla sentenza: “In tema di diritto di cronaca giornalistica, la verità di una notizia, mutuata da un provvedimento giudiziario, sussiste ogniqualvolta essa sia fedele al contenuto del provvedimento stesso. È pertanto sufficiente che l’articolo pubblicato corrisponda al contenuto degli atti e provvedimenti della autorità giudiziaria, non potendo richiedersi al giornalista di dimostrare la fondatezza delle decisioni assunte in sede giudiziaria e dovendo, d’altra parte, il criterio della verità della notizia essere riferito agli sviluppi di indagine ed istruttori quali risultano al momento della pubblicazione dell’articolo e non già, secondo quando successivamente accertato in sede giurisdizionale”. (Cass. pen.,Sez. 5, Sentenze: nn. 2842 del 1999; 8935 del 2000; 6924 del 2000; 43382 del 2010).

Per quanto concerne, invece, la questione del riconoscimento del risarcimento del danno alla reputazione, la Suprema Corte ha statuito che “nella diffamazione a mezzo stampa, il danno alla reputazione, di cui si invoca il risarcimento, non é “in re ipsa”, ma richiede che ne sia data prova, anche a mezzo di presunzioni semplici” (Cass. Sez. 3, Sentenza n. 24474 del 2014)”.

Nel caso di specie i mezzi di prova erano stati indicati, ragione per cui sono state respinte le doglianze di parte ricorrente.

Clicca qui per il testo della sentenza della Cassazione

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento

Il nostro sito utilizza i cookie al fine di migliorare i servizi. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all`uso dei cookie. Maggiori informazioni | Chiudi