Ridotti gli adempimenti previsti dalla disciplina sui dati personali

Nel Consiglio dei Ministri del 22 dicembre è stato approvato, fra gli altri, su proposta della Presidenza e sentito il parere favorevole delle competenti Commissioni parlamentari, un decreto legislativo recante “Disposizioni correttive ed integrative della normativa in materia di protezione dei dati personali, a norma dell’articolo 1 della legge 24 marzo 2001, n. 127”.

Il provvedimento – rivela il comunicato della Presidenza del consiglio dei Ministri – è stato emanato “ai fini di una maggiore armonizzazione con la disciplina comunitaria di settore, nonché della semplificazione e razionalizzazione di alcuni adempimenti.”

Queste, in sintesi, le modifiche più rilevanti apportate dal decreto:

– Notificazione al Garante.

E’ necessaria solo quando il trattamento dei dati è “suscettibile di recare pregiudizio ai diritti e alle libertà dell’interessato”.

– Richiesta del consenso.

Non è più prescritta quando sussiste, in capo al titolare del trattamento dei dati, un legittimo interesse, salvo che il trattamento non verta su diritti o libertà dell’interessato. Sarà il Garante a decidere in quali casi tale principio potra essere applicato.

La richiesta del consenso, inoltre, non è più prescritta neanche per il trattamento di dati sensibili quando è effettuato da associazioni, enti, sindacati e, in genere, organismi senza scopo di lucro, semprecchè gli interessati siano associati.

– Informazioni quasi sensibili.

Il Decreto, conformandosi alla normativa comunitaria, introduce questa terza categoria di dati, il cui trattamento può pregiudicare diritti e libertà dell’interessato, ma che si pone in una posizione intermedia tra dati comuni e dati sensibili.

E’ affidata al Garante la previsione di una disciplina specifica per il trattamento di tali dati.

– Internet.

Il Decreto rimanda ai codici deontologici di settore.

– Misure minime di sicurezza.

è prevista una sorta di sanatoria.

– Sanzioni.

Alcuni reati sono “depenalizzati”: diventano contravvenzioni, punite con un’ammenda.

Articolo precedenteLe decisioni adottate il 21 dicembre
Articolo successivoIl parere dell’Antitrust
Lo studio legale dedica, tutti i giorni, una piccola parte del proprio tempo all'aggiornamento del sito web della rivista. E' un'attività iniziata quasi per gioco agli albori di internet e che non cessa mai di entusiasmarci. E' anche l'occasione per restituire alla rete una parte di tutto quello che essa ci ha dato in questi anni. I bravi giuristi sono sempre i benvenuti per allargare la nostra community. Scriveteci o mandate il vostro cv a segreteria@giurdanella.it .