Pubblicato il D.Lgs. di attuazione della Dir. 1999/93/CE

Decreto Legislativo 23 gennaio 2002, n.10

Attuazione della direttiva 1999/93/CE relativa ad un quadro comunitario per le firme elettroniche.

Il decreto legislativo, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 39, del 15 febbraio 2002 modifica il quadro normativo delineato dal D.P.R. 513/97 e dal T.U. 445/2000 introducendo nuove nozioni, nonchè nuove forme di sottoscrizione del documento informatico.

L’art. 6 del decreto, che sostituisce l’art. 10 del d.p.r. 445/00, introduce la nozione di firma elettronica semplice.

Mentre il documento informatico sottoscritto con firma digitale fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l’ha sottoscritto, il documento sottoscritto con firma elettronica semplice è invece liberamente valutabile, pur soddisfacendo il requisito legale della forma scritta.

L’art. 9 introduce le nozioni di certificato qualificato e di certificatore accreditato.

I certificatori che siano dotati di particolari requisiti tecnici, di onorabilità e solidità finanziaria possono chiedere al Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie di essere accreditati. Solo i certificatori accreditati potranno distribuire i cd.certificati qualificati (i certificati elettronici conformi ai requisiti di cui all’allegato I della direttiva 1999/93/CE) dandone avviso prima dell’inizio dell’attività.

Nasce, ai sensi dell’art. 8, la carta nazionale dei servizi.

Tale documento, diverso dalla carta d’identità elettronica, potrà essere utilizzato per i pagamenti tra soggetti privati e Pubbliche Amministrazioni, nonchè per l’invio di istanze e dichiarazioni per via telematica.

Il testo del decreto (in PDF)