Emanato il D.P.R. di attuazione

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 Febbraio 2003 il D.P.R. di attuazione dell’art. 107 della legge finanziaria 2001 (l. 23 dicembre 2000, n. 388).

La suddetta norma istituiva un fondo destinato al finanziamento delle attività di informatizzazione e classificazione della normativa vigente al fine di facilitarne la ricerca e la consultazione gratuita. A favore del fondo, la finanziaria per il 2001 autorizzava, inoltre, la spesa di 5 miliardi di lire per ciascuno degli anni dal 2001 al 2005.

Con il Dpr appena emanato, il Governo determina il programma, le forme organizzative e le modalità di funzionamento del fondo.

In particolare, il Decreto prevede:

– la compilazione del testo degli atti normativi emanati dallo Stato, da mettere a disposizione gratuita del cittadino, che potrà reperirli, con strumenti informatici e telematici, attraverso appositi portali e siti Internet;

– i documenti saranno classificati secondo parametri atti a favorire la ricerca per via informatica e telematica, nonché idonei ad individuare profili di incompatibilità ed abrogazioni implicite fra disposizioni;

– le attività del programma verranno definite tenendo conto delle iniziative già avviate nel campo della informatizzazione della documentazione giuridica pubblica dalle Istituzioni (Corte costituzionale, Corte suprema di Cassazione, ecc.);

– il programma sarà realizzato mediante progetti proposti dagli organi costituzionali, dalle pubbliche amministrazioni e da privati;

– è costituito un Comitato guida, formato dai segretari generali di Camera, Senato e Presidenza del Consiglio dei Ministri, che determina gli indirizzi generali del programma, definisce i requisiti di ammissione dei progetti, definendone le modalità e i termini per la redazione e la presentazione;

– i progetti saranno approvati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in conformità alle determinazioni del comitato guida;

– l’esecuzione del programma sarà affidata dal Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi e dal Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie.

Qui di seguito il testo integrale del provvedimento.

———

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2003

“Disposizioni per l’informatizzazione della normativa vigente, in attuazione dell’art. 107 della legge 23 dicembre 2000, n. 388”

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 107 della legge 23 dicembre 2000, n. 388;

Visto l’art. 11, comma 2, secondo periodo, ultima parte, della legge 6 luglio 2002, n. 137;

Vista l’intesa con i Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;

Decreta:

Art. 1.

Oggetto

1. Il presente decreto individua le attività costituenti il programma delle iniziative di cui all’art. 107 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, le forme organizzative, nonché le modalità di finanziamento a valere sul fondo di cui alla predetta disposizione.

Art. 2.

Contenuto del programma

1. Rientrano nel programma di cui all’art. 1 le seguenti attività:

a) compilazione del testo delle leggi statali e degli altri atti normativi emanati dallo Stato, quale risultante dalle modifiche e abrogazioni espresse;

b) messa a disposizione gratuita, con strumenti informatici e telematici, dei testi di cui alla lettera a), e delle relazioni afferenti al singolo atto normativo;

c) classificazione della normativa vigente di cui alla lettera a) secondo parametri per favorire la ricerca per via informatica e telematica, nonché predisposizione di un idoneo apparato critico atto ad individuare profili di incompatibilità ed abrogazioni implicite fra disposizioni;

d) studio ed applicazione di strumenti e procedure di ricerca raffinata della normativa vigente, nonché di sistemi avanzati di trattamento informatico, di marcatura e di classificazione degli atti normativi, anche ai fini dell’istruttoria dell’attività di riordino normativo;

e) realizzazione di appositi portali e siti Internet, corredati da idonei motori di ricerca, ai fini delle attività di cui alle lettere precedenti.

2. Le attività incluse nel programma sono definite in coordinamento con le iniziative già avviate nel campo della informatizzazione della documentazione giuridica pubblica, in particolare dalla Corte costituzionale, dalla Corte suprema di Cassazione, dalla Magistratura amministrativa e contabile, dal Ministero della giustizia, dall’Istituto Poligrafico e Zecca della Stato, dall’AIPA, dalle regioni e dalle province autonome.

3. Con protocolli di intesa, approvati dal Comitato guida di cui all’art. 4, stipulati tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e le regioni, si stabiliscono modalità e termini di partecipazione delle regioni al programma ovvero di coordinamento delle iniziative di competenza.

4. In conformità alle determinazioni e valutazioni espresse dal citato comitato guida, la Presidenza del Consiglio dei Ministri approva i progetti ammessi al finanziamento e puo’, altresi’, stipulare convenzioni con soggetti pubblici e privati che intendono finanziare con proprie risorse attività previste nel programma o che intendono attuare direttamente con proprie risorse progetti o parti di essi, rientranti nel programma medesimo.

Art. 3.

Attuazione del programma

1. Il programma è realizzato mediante progetti proposti dagli organi costituzionali, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalle altre pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, nonché da soggetti privati o anche da soggetti appositamente costituitisi in collaborazione tra enti pubblici e privati.

Art. 4.

Comitato guida

1. è costituito un Comitato guida, formato dai segretari generali della Camera dei deputati, del Senato della Repubblica e della Presidenza del Consiglio dei Ministri o da loro delegati.

2. Il Comitato guida procede d’intesa sulla base delle direttive del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Presidente della Camera dei deputati e del Presidente del Senato della Repubblica, a:

a) determinare gli indirizzi generali per l’attuazione del programma;

b) definire gli obiettivi e la cadenza temporale per la realizzazione del programma di cui all’art. 2;

c) definire i requisiti di ammissione al programma dei progetti di cui all’art. 3;

d) definire le modalità e i termini per la redazione e la presentazione di progetti di implementazione del programma;

e) valutare la conformità agli obiettivi del programma dei progetti ammissibili a finanziamento da parte del fondo;

f) verificare lo stato di attuazione del programma e riferirne ai Presidenti delle Camere e al Presidente del Consiglio dei Ministri con cadenza almeno annuale.

3. L’attività preparatoria delle determinazioni del Comitato guida è curata dal Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri tramite un gruppo di lavoro operante presso il Segretariato generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, costituito da personale designato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Camera dei deputati e dal Senato della Repubblica.

I compiti di esecuzione del programma sono attribuiti, nell’ambito delle rispettive competenze, al Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi nonché al Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie ed alle altre strutture di cui si avvale il Ministro per l’innovazione e le tecnologie.

4. Il Comitato guida può procedere, anche tramite il gruppo di lavoro, a consultazioni di soggetti pubblici e privati interessati al tema della conoscibilità della normazione.

Art. 5.

Modificazioni al presente decreto

1. Eventuali modificazioni al presente decreto sono disposte con la forma e nel rispetto della procedura stabilite dall’art. 107 della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Roma, 24 gennaio 2003

Il Presidente: Letta

Articolo precedenteAnonimato di chi chiama
Articolo successivoIl DPR di autorizzazione
Lo studio legale dedica, tutti i giorni, una piccola parte del proprio tempo all'aggiornamento del sito web della rivista. E' un'attività iniziata quasi per gioco agli albori di internet e che non cessa mai di entusiasmarci. E' anche l'occasione per restituire alla rete una parte di tutto quello che essa ci ha dato in questi anni. I bravi giuristi sono sempre i benvenuti per allargare la nostra community. Scriveteci o mandate il vostro cv a segreteria@giurdanella.it .