Stanziati 2,6 milioni di euro per il software open-source

I fondi della Commissione Europea verranno impiegati per finanziare progetti pilota volti all’impiego di software open-source nella Pubblica Amministrazione.

Sono stati, infatti, stanziati 2,6 milioni di euro per la realizzazione e l’impiego sperimentale di software non proprietario da parte del Consorzio per l’open-source nella Pubblica Amministrazione. Quest’ultimo è intenzionato a rilasciare una sorta di certificazione di qualità relativa ai prodotti open-source in modo da facilitare le valutazioni delle amministrazioni che intendano abbandonare il software proprietario.

L’obiettivo è quello di consentire alle pubbliche amministrazioni europee di risparmiare milioni di euro sui costi di acquisto delle licenze proprietarie del software utilizzato, promuovendo le piccole e medie imprese che si impegnino nella realizzazione di prodotti open-source.

Articolo precedenteDiscorso del Garante della Privacy
Articolo successivoLe regole comunitarie sui domini.eu
Lo studio legale dedica, tutti i giorni, una piccola parte del proprio tempo all'aggiornamento del sito web della rivista. E' un'attività iniziata quasi per gioco agli albori di internet e che non cessa mai di entusiasmarci. E' anche l'occasione per restituire alla rete una parte di tutto quello che essa ci ha dato in questi anni. I bravi giuristi sono sempre i benvenuti per allargare la nostra community. Scriveteci o mandate il vostro cv a segreteria@giurdanella.it .