Tutela consumatori, proroga sfratti, indennizzo vittime reato, responsabilita’ civile

Il Consiglio dei Ministri di stasera ha approvato i seguenti provvedimenti, come confermato nel comunicato stampa diramato dal Governo:

1) un disegno di legge che interviene sul problema del rilascio per finita locazione di immobili ad uso di abitazione per particolari categorie, al fine di consentire il completamento del programma di interventi in favore di persone svantaggiate varato dalla recentissima legge n. 9 del 2007; è in quest’ottica programmatica che il provvedimento, quindi, proroga fino al 15 ottobre 2008 la sospensione degli sfratti, in attesa della definizione del “programma casa” deciso all’esito della concertazione per la programmazione in materia di edilizia residenziale pubblica con il fine di consentire, senza soluzione di continuità, il passaggio da casa a casa di persone svantaggiate;

2) un disegno di legge che prevede una nuova disciplina del commercio interno del riso, con riferimento alla classificazione e denominazione di vendita, alle sanzioni ed agli istituti abilitati ai controlli; si è favorevolmente espressa sul provvedimento la Conferenza unificata;

3) un decreto legislativo che compie un ulteriore passo verso la redazione di un testo che comprenda tutta la disciplina vigente in materia di tutela dei consumatori, punto di riferimento per essi e per le imprese, aggiornato con le norme comunitarie in materia e pertanto strumento di regolazione di uno sviluppo ordinato, efficiente e concorrenziale. In particolare le modifiche apportate al vigente codice del consumo recepiscono le direttive 2002/65, in materia di commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori, e 2005/29, in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti fra professionisti e consumatori. Sul provvedimento si sono espressi la Conferenza unificata ed il Consiglio di Stato; sono stati altresì acquisiti i pareri parlamentari;

4) un decreto presidenziale che formalizza l’intesa raggiunta fra il Governo e il Presidente della Provincia autonoma di Trento, nonché il Presidente e il Rettore dell’Università degli studi di Trento, per la determinazione del contributo dello Stato al funzionamento di tale Università;

5) un decreto legislativo, sul quale si sono espresse le Commissioni parlamentari, che introduce nell’ordinamento sanzioni per le violazioni di quanto disposto dal Regolamento comunitario n. 785/2004, relativo ai requisiti assicurativi applicabili ai vettori aerei e agli esercenti di aeromobili;

6) quattordici decreti legislativi, sui quali sono stati acquisiti i pareri prescritti, per il recepimento delle seguenti direttive comunitarie:

2004/23, sulla definizione di norme di qualità e di sicurezza per la donazione, l’approvvigionamento, il controllo, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umane;

2004/36, sulla sicurezza degli aeromobili di Paesi terzi che utilizzano aeroporti comunitari;

2004/41, (anche in applicazione dei regolamenti comunitari in materia) per il riordino della disciplina nazionale relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare;

2004/80, relativa all’indennizzo delle vittime di reati;

2004/108, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilita’ elettromagnetica;

2004/113, per la parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l’accesso a beni e servizi e la relativa fornitura;

2005/14, sull’assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli;

2005/19, sul regime fiscale comune da applicare alle fusioni, alle scissioni, ai conferimenti d’attivo ed agli scambi di azioni concernenti società di Stati membri diversi;

2005/28, relativa a principi e linee guida dettagliate per la buona pratica clinica, ai medicinali in fase di sperimentazione a uso umano, nonché ai requisiti per l’autorizzazione alla fabbricazione o importazione di tali medicinali;

2005/36 e 2005/100, per il riconoscimento delle qualifiche professionali e l’adeguamento di direttive sulla libera circolazione a seguito dell’adesione di Bulgaria e Romania;

2005/32, per l’individuazione di un quadro di riferimento, quanto a garanzie e controlli di sicurezza e di ecocompatibilità, per l’immissione sul mercato, la messa in servizio e la libera circolazione di prodotti che consumano energia (elettrica, da combustibili o rinnovabile);

2005/35, per il contrasto all’inquinamento provocato da navi e l’introduzione di sanzioni per le relative violazioni;

2005/61, in materia di rintracciabilità del sangue e notifica di effetti indesiderati ed incidenti gravi;

2005/65, per il miglioramento della sicurezza dei porti.

(Roma, 23 Ottobre 2007)

Articolo precedenteDiritto del Lavoro
Articolo successivoSul Terzo Mandato del sindaco di Veggiano
Lo studio legale dedica, tutti i giorni, una piccola parte del proprio tempo all'aggiornamento del sito web della rivista. E' un'attività iniziata quasi per gioco agli albori di internet e che non cessa mai di entusiasmarci. E' anche l'occasione per restituire alla rete una parte di tutto quello che essa ci ha dato in questi anni. I giovani bravi sono sempre i benvenuti nel nostro studio legale. Per uno stage o per iniziare la pratica professionale presso lo studio, scriveteci o mandate il vostro cv a segreteria@giurdanella.it