Un geologo in ogni commissione edilizia comunale


Con Circolare pubblicata oggi in Gazzetta ed inviata (chissà perchè) anche ai Giudici amministrativi dell’isola (Tar Palermo, Tar Catania e Cga), la Regione prende posizione sull’ingresso obbligatorio della figura professionale del Geologo nella Commissione edilizia comunale.

“Appare necessario che nella composizione di tutte le commissioni edilizie comunali venga prevista specificatamente la figura del geologo”, afferma l’assessore regionale.

Di seguito, il testo della Circolare.

. . . . .



Sicilia

Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente

Circolare 5 marzo 2008 n. 1.

Composizione e competenze della commissione edilizia comunale.



(Gazzetta Regionale del 4 aprile 2008)


ai Sindaci dei comuni dell’isola

ai Capi ufficio tecnico dei comuni dell’isola

ai Segretari comunali dell’isola

agli Uffici del genio civile

alla Presidenza della regione

agli Assessorati regionali

alla Corte dei conti di palermo

al Consiglio di giustizia amministrativa per la regione siciliana – palermo

al Tribunale amministrativo regionale di sicilia – palermo

al Tribunale amministrativo regionale di sicilia – catania

alle Provincie regionali

alle Prefetture

agli Ispettorati ripartimentali delle foreste di messina

alle Soprintendenze ai bb.cc.aa.

al Co.re.co. regionale

ai Co.re.co. provinciali

all’Ordine regionale dei geologi

all’Ordine prof. degli ingegneri – Consulta regionale

all’Ordine prof. degli architetti – Consulta regionale

all’Ordine prof. degli agronomi – Consulta regionale

Com’è noto, il comma 3 dell’art. 6 delle Norme di attuazione dei piani per l’assetto idrogeologico (P.A.I.) di cui al D.L. n. 180/1998 e successive modifiche ed integrazioni, testualmente recita: “Ai sensi dell’articolo 1 bis, comma 5, del decreto legge 12 ottobre 2000, n. 279, convertito con modificazioni dalla legge 11 dicembre 2000, n. 365, le previsioni e le prescrizioni del piano approvato costituiscono variante agli strumenti urbanistici vigenti”.


Inoltre tutti gli strumenti urbanistici generali e attuativi sono accompagnati da apposito studio geologico redatto ai sensi della circolare n. 2222 del 31 ottobre 1995, che al punto 4.3 – Cartografia di sintesi – prevede la redazione della Carta delle pericolosità geologiche e della Carta delle zone a maggior pericolosità sismica locale.

Proprio la suddetta circolare n. 2222/95 nelle conclusioni ribadisce “Si richiama l’attenzione degli enti in indirizzo alla scrupolosa osservanza delle superiori direttive onde pervenire ad una significativa riduzione del rischio geologico (frane, alluvioni, terremoti, eruzioni vulcaniche, ecc.) nella nostra Regione che presenta un elevato livello di rischio, sia per oggettive condizioni naturali che in conseguenza di errati interventi antropici che ne hanno ulteriormente elevato il livello e la pericolosità”.

In riferimento alla suddetta problematica, pervengono allo Scrivente Assessore diverse segnalazioni, sia da singoli professionisti che dall’ordine dei geologi di Sicilia, che richiamano la necessità che i progetti all’esame delle commissioni edilizie comunali debbano essere correlati da uno specifico studio geologico dell’intervento edilizio di che trattasi anche con le prescrizioni e le indicazioni contenute nello studio geologico che è parte integrante degli strumenti urbanistici generali e attuativi.

Analoga verifica viene richiamata con riferimento alle prescrizioni e alle indicazioni contenute nei piani per l’assetto idrogeologico (P.A.I.) approvati.

Per quanto sopra premesso ed evidenziato, nel ritenere di dover aderire allo spirito delle richieste formulate, appare necessario che nella composizione di tutte le commissioni edilizie comunali venga prevista specificatamente la figura del geologo.

Ciò in quanto l’apporto culturale e scientifico di detta categoria professionale potrà consentire un esame altamente puntuale dei progetti e dei piani, con notevoli benefici e ricadute in ordine alla riduzione del rischio geologico.

L’Assessore: Interlandi

Articolo precedenteVietati i cellulari nella cabina elettorale
Articolo successivoLa Nuova Pratica Civile
Lo studio legale dedica, tutti i giorni, una piccola parte del proprio tempo all'aggiornamento del sito web della rivista. E' un'attività iniziata quasi per gioco agli albori di internet e che non cessa mai di entusiasmarci. E' anche l'occasione per restituire alla rete una parte di tutto quello che essa ci ha dato in questi anni. I giovani bravi sono sempre i benvenuti nel nostro studio legale. Per uno stage o per iniziare la pratica professionale presso lo studio, scriveteci o mandate il vostro cv a segreteria@giurdanella.it