Collana ‘I Codici del Professionista’


Al pari degli altri volumi della Collana “I Codici del Professionista”, anche i Codici dell’edilizia e quello dell’espropriazione rispondono all’esigenza, avvertita da professionisti ed amministratori, di disporre di strumenti di analisi e consultazione idonei ad offrire, in uno alla ricostruzione degli istituti di riferimento, le risposte alle innumerevoli questioni applicative da affrontare nell’attività quotidiana.

Si intende, quindi, coniugare con l’inquadramento dommatico e dottrinale delle questioni, necessariamente snello e asciutto, un approccio pragmatico volto alla selezione degli interrogativi più ricorrenti e delicati ed alla indicazione delle soluzioni che agli stessi la più recente giurisprudenza fornisce.

In questa ottica, una particolare attenzione è stata riservata, nel Codice dell’espropriazione, ai principi enunciati in tema di indennizzo dalla Corte europea dei diritti dell’ uomo, alla rilevanza che ad essi è stata riconosciuta dalla Corte di Cassazione in una rinnovata e più attenta ricostruzione dei rapporti intercorrenti fra gli enunciati della Convenzione europea dei diritti dell’ uomo e la normativa nazionale, alla risposta che a dette problematiche è stata data dal Giudice delle leggi in sede di disamina del grado di conformità della seconda ai primi, alla misura in cui i risultati di detta disamina sono stati condivisi e recepiti dalla legge finanziaria 2008 (art. 2, comma 89, l. 29 dicembre 2007, n. 244), con immediati riflessi sia sull’art. 5- bis, comma 7-bis, l. n. 333 del 1992, sia sull’ art. 37 del Codice dell’ espropriazione.
Particolarmente esaminati, inoltre, i profili di contatto tra la disciplina del procedimento espropriativo e la materia urbanistica.

Quanto all’edilizia, si è ritenuto, tra l’altro, di tenere conto della giurisprudenza con cui è data applicazione alle discipline introdotte dalle singole Regioni nella materia dell’edilizia; si tratta di un sicuro punto di forza dell’Opera, attesa l’assoluta originalità dello sforzo ricostruttivo compiuto, senz’altro di grande utilità per gli operatori. La Sezione “domande e risposte”, pertanto, è spesso suddivisa in due parti. La prima dedicata alla ricostruzione delle problematiche interpretative emerse in sede di applicazione della disciplina nazionale; la seconda riguardante le questioni affrontate in giurisprudenza nell’applicare le singole discipline regionali. Questa seconda Parte è, quindi, ulteriormente suddivisa Regione per Regione.
Ulteriore peculiarità dell’Opera è costituita dalla raccolta di leggi, regolamenti e prassi delle singole Regioni in materia edilizia. È infatti allegato un cd-rom contenente la disciplina regionale e le relative circolari interpretative. La disciplina è suddivisa per Regioni ed è di agevole consultazione e ricerca.

Per entrambi i Codici Si è provveduto all’elaborazione di un robusto indice analitico, come noto elemento di indiscussa forza di un buon Codice annotato.

La tecnica redazionale utilizzata per la compilazione dei due Codici è la stessa già sperimentata per i Codici degli appalti pubblici e delle sanzioni amministrative.
Sotto ciascuna disposizione l’annotazione si articola in:
– una prima Sezione recante un inquadramento anche dottrinale, snello ed essenziale, degli istituti disciplinati, con puntuale individuazione delle problematiche irrisolte ovvero di quelle per le quali la soluzione codificata è stata ritenuta insoddisfacente;
– una seconda Sezione nella quale, con ricorso alla formula della domanda e della risposta, sono segnalati i casi pratici sui quali, con maggiore frequenza, si è registrato l’ intervento del giudice, con una chiara enunciazione del quesito proposto e della risposta offerta dalla giurisprudenza;
– una terza Sezione (“Le formule”), recante le formule di riferimento, utili all’operatore.
All’elaborazione dei volumi hanno concorso giuristi del mondo accademico e forense, del Consiglio di Stato, dei Tar e delle Magistrature.

In arrivo, tra qualche settimana, nella stessa Collana, il Codice dell’ambiente, curato dal Consigliere di Stato Raffaele GRECO.

Su www.neldirittoeditore.it è possibile avere informazioni dettagliate, scaricare un esempio di commento, nonché acquistare i volumi