La soluzione digitale ad un problema analogico

E’
stato appena reso noto il progetto sperimentale denominato P.U.M.A.
(Personal Urban Mobility & Accessibility) nato dalla
collaborazione tra la Segway, società fondata dall’inventore
statunitense Dean Kamen, e la General Motors. Si tratta di un
rivoluzionario veicolo elettrico biposto in grado di rimanere in
equilibrio su due ruote grazie a un sofisticatissimo sistema di
giroscopi.

Il
nuovo veicolo consentirà di raggiungere la velocità massima
compresa tra i 40 e i 56 chilometri orari, si ricaricherà
semplicemente collegandolo ad una presa elettrica in 5-8 ore. E’
stato calcolato che ogni ricarica completa avrà un costo di 60
centesimi di dollaro (circa 45 centesimi di euro) e consentirà
un’autonomia che potrà variare secondo le specifiche della versione
definitiva dai 40 ai 58 chilometri.

I
principali pregi di P.U.M.A. sono l’estrema manovrabilità (ha un
raggio di sterzata pari a zero), l’incredibile leggerezza (pesa solo
136 chilogrammi) e comandi straordinariamente intuitivi (il veicolo
si guida unicamente grazie a una sorta di cloche tanto da dare
l’impressione al guidatore di muoversi come per magia).

Non è
stato neppure trascurato l’aspetto sicuramente non secondario della
sicurezza: tutti i sistemi elettronici (giroscopi, accelerometri,
sensori di frenaggio e di sterzatura) sono, infatti, ridondanti in
modo da assicurare la continuità del funzionamento anche
nell’ipotesi in cui alcune componenti dovessero guastarsi durante
l’uso.

Secondo
alcuni analisti la vettura potrebbe essere già commercializzata nel
2012, ma nessuno sa se, complice la nuova politica ecologica
propugnata dalla Casa Bianca, il veicolo verrà davvero immesso sul
mercato. L’unico dato certo è che il pronipote di PUMA, il veicolo
monoposto denominato Segway, ha ottenuto presso il pubblico un
successo molto inferiore a quello previsto dall’inventore Dean Kamen,
forse anche per il prezzo di vendita sicuramente non economico. Pare,
tuttavia, che P.U.M.A. avrà un costo complessivo inferiore a quello
delle micro auto attualmente in commercio.