Logo Studio Giurdanella GIURDANELLA & PARTNERS STUDIO LEGALE

Quali sono gli incarichi vietati ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche?

Il tavolo tecnico, a cui hanno partecipato il Dipartimento della funzione pubblica, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, l'ANCI e l'UPI, ha approvato il documento contenente "Criteri generali in materia di incarichi vietati ai pubblici dipendenti"

Il Dipartimento della Funzione Pubblica,  ha di recente reso disponibile un documento recante “Criteri generali in materia di incarichi vietati ai dipendenti delle Amministrazioni pubbliche”; per i dipendenti pubblici, tuttavia, non cambia praticamente nulla.

Si tratta, infatti, di un mero riordino della materia con l’esemplificazione di una serie di situazioni d’incarichi vietati per i pubblici dipendenti tratti dalla normativa vigente, dagli indirizzi generali e dalla prassi applicativa.

La finalità del documento è di supportare le amministrazioni nell’applicazione della normativa in materia di svolgimento d’incarichi da parte dei dipendenti e di orientare le scelte in sede di elaborazione dei regolamenti e degli atti d’indirizzo.

Ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni, a tempo pieno e parziale con percentuale superiore al 50%, sono vietati gli incarichi abituali e professionali. A tutti sono preclusi gli incarichi che determinano conflitti d’interesse.

Il dipendente pubblico non potrà “esercitare attività commerciali, industriali, né alcuna professione o assumere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in società costituite a fine di lucro” (abitualità e professionalità ai sensi dell´art. 60 del d.P.R. n. 3/57).

L´incarico presenta i caratteri della professionalità laddove si svolga con i caratteri dell’abitualità, sistematicità/non occasionalità e continuità, senza necessariamente comportare che tale attività sia svolta in modo permanente ed esclusivo (art. 5, d.P.R. n. 633 del 1972; art. 53 del d.P.R. n. 917 del 1986; Cass. civ., sez. V, n. 27221 del 2006; Cass. civ., sez. I, n. 9102 del 2003).

Sono escluse dal divieto l’assunzione di cariche nelle cooperative (art. 61 del d.P.R. n. 3/1957), gli incarichi consentiti o previsti per i dipendenti pubblici in enti e società partecipate o controllate, l’assunzione di cariche nell’ambito di commissioni, comitati, organismi presso amministrazioni pubbliche, sempre che l’impegno richiesto non sia incompatibile con il debito orario e/o con l’assolvimento degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro.

La valutazione sulla sussistenza dell’incompatibilità va effettuato considerando complessivamente i rapporti con il committente, nell´ambito dell’anno solare, non limitandosi ad esaminare il singolo incarico.

Il conflitto d’interesse sussiste, ad esempio, per gli incarichi svolti a favore di aggiudicatari di concessioni pubbliche, o di soggetti fornitori di beni o servizi per l’Amministrazione.

Preclusa anche l’accettazione di proposte lavorative da soggetti privati che abbiano o abbiano avuto nel biennio precedente un interesse economico significativo in decisioni o attività inerenti all´ufficio di appartenenza, o provenienti da soggetti sottoposti al controllo da parte di quel dipendente.

Proibito infine, in via generale, ricevere incarichi che possano comunque “nuocere all’immagine dell’Amministrazione“.


Tutte le News su: , , , , ,

Clicca qui per ricevere gratuitamente la Newsletter di Giurdanella.it

Il nostro sito utilizza i cookie al fine di migliorare i servizi. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all`uso dei cookie. Maggiori informazioni | Chiudi