Legge di Stabilità 2016: approvati emendamenti sul gratuito patrocinio

Il 15 dicembre, la Commissione Bilancio della Camera ha approvato due emendamenti (già approvati dalla Commissione Giustizia) riguardo il gratuito patrocinio. In particolare gli emendamenti introducono la possibilità per gli avvocati di compensare i crediti vantati nei confronti dello Stato a seguito del gratuito patrocinio prestato a favore dei soggetti non abbienti, con tutte le tasse e imposte dovute, compresa l’IVA, e compresi i contributi del personale dipendente dello studio legale, nel limite di 10 milioni annui.

La misura entrerà in vigore il 1° gennaio. Lo scopo è quello di incentivare la scelta del gratuito patrocinio da parte dell’avvocato e permettere così ai meno abbienti (con reddito sotto 11.528,41 euro) di  avere un bacino più ampio di avvocati da poter scegliere.

Altra novità di rilievo è che la stessa possibilità di compensazione è prevista anche per i contributi dovuti alla Cassa Forense.

Gli avvocati potranno scegliere se compensare o meno i propri crediti provenienti dall’attività di gratuito patrocinio con i contributi previdenziali della Cassa Forense. Gli avvocati avranno la facoltà di una compensazione anche parziale. Il credito residuo, in questo caso, verrà accreditato dallo Stato sul conto corrente dell’avvocato. La compensazione sarà esente da imposta di bollo e registro.

Intanto la Legge di Stabilità 2016 prosegue il suo iter. Ieri è iniziata la discussione in Aula. E’ attesa l’approvazione definitiva entro Natale.

Vai allo speciale Legge di Stabilità 2016

Clicca qui per il testo ufficiale approdato in Aula il 17 dicembre