Appalti pubblici: guida alle nuove soglie comunitarie

Tutte le News su:

,

Dall'1 gennaio 2018 sono in vigore le nuove soglie comunitarie per gli appalti pubblici: modificata da 209mila euro a 221mila euro la soglia per gli appalti di servizi e forniture più diffusi.

Clicca qui per la sintesi delle nuove linee guida Anac n. 4 sugli appalti sotto soglia.

La Commissione europea ha determinato i nuovi importi, in vigore dal 1° gennaio 2018, delle soglie per l’applicazione delle norme in materia di procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici e delle concessioni.

I nuovi importi sono stabiliti dai Regolamenti delegati (UE) nn. 2364, 2365, 2366 pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. L337 del 19 dicembre 2017.

Detti regolamenti, in vigore dal 1° gennaio 2018,  sono obbligatori in tutti i loro elementi e direttamente applicabili in ciascuno degli Stati membri, dunque non necessitano di alcuna procedura di recepimento. Le nuove soglie sostituiscono integralmente quelle vigenti in precedenza.

In particolare, nell’ambito dei settori ordinari, è stata modificata la soglia per gli appalti pubblici di forniture, di servizi e per i concorsi pubblici di progettazione aggiudicati da amministrazioni aggiudicatrici sub-centrali, che, pertanto, è stata innalzata da 209.000 euro a 221.000 euro (tale soglia si applica anche agli appalti pubblici di forniture aggiudicati dalle autorità governative centrali che operano nel settore della difesa, allorché tali appalti concernono prodotti non menzionati nell’allegato VIII).

Inoltre, in considerazione delle recenti modifiche, le ulteriori soglie di rilevanza comunitaria sono:

  • euro 5.548.000 per gli appalti pubblici di lavori e per le concessioni (in precedenza euro 5.225.000);
  • euro 144.000 per gli appalti pubblici di forniture, di servizi e per i concorsi pubblici di progettazione aggiudicati dalle amministrazioni aggiudicatrici che sono autorità governative centrali indicate nell’allegato III; se gli appalti pubblici di forniture sono aggiudicati da amministrazioni aggiudicatrici operanti nel settore della difesa, questa soglia si applica solo agli appalti concernenti i prodotti menzionati nell’allegato VIII (in precedenza euro 135.000).

Rimane invariato l’importo di euro 750.000 per gli appalti di servizi sociali e di altri servizi specifici elencati all’allegato IX del Codice dei contratti pubblici.

Infine, nei settori speciali, le soglie di rilevanza comunitaria, sempre dal 1° gennaio 2018, sono le seguenti:

  • euro 5.548.000 per gli appalti di lavori (in precedenza euro 5.225.000);
  • euro 443.000 per gli appalti di forniture, di servizi e per i concorsi pubblici di progettazione (in precedenza euro 418.000);

Inalterato l’importo previsto per i contratti di servizi, per i servizi sociali e altri servizi specifici elencati all’allegato IX del D. Lgs. 50/2016, pari a euro 1.000.000.

Tutte le News su: , ,

Clicca qui per ricevere gratuitamente la Newsletter di Giurdanella.it

Il nostro sito utilizza i cookie al fine di migliorare i servizi. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all`uso dei cookie. Maggiori informazioni | Chiudi